1. WhatsApp

Come uscire da WhatsApp

Di recente, anche tu avrai ricevuto, all’apertura di WhatsApp, una notifica davvero particolare, dal vago retrogusto di “ultimatum”. Nella schermata si proponeva un aggiornamento sulle condizioni d’uso e dell’informativa sulla privacy. Una mancata accettazione di tali termini impedirebbe definitivamente l’uso dell’applicazione di messaggistica istantanea. Ovviamente, una tale forzatura ha fin da subito destato perplessità nel mondo del web, tanto da convincere alcuni utenti a lasciare WhatsApp in favore di altre applicazioni meno “invadenti” dal punto di vista della privacy.

Ma sono davvero questi i termini posti dal servizio del gruppo Facebook? Ebbene, in questa guida ho pensato di fare un po’ di chiarezza su quanto effettivamente imposto per l’utilizzo dell’app. Cercherò poi di spiegarti come uscire da WhatsApp, se proprio riterrai che tali modifiche non siano più accettabili per i tuoi standard.

Indice

Considerazioni iniziali

ragazza che esprime stupore con cellulare e schermata WhatsApp

Analizzando i termini di servizio di WhatsApp del 2021, l’elemento che più aveva destato dubbi e perplessità era quello relativo alla condivisione dei dati del profilo WhatsApp con Facebook a scopo pubblicitario, apparentemente resa obbligatoria. Non più servizi indipendenti, come promesso dai vertici di Facebook all’alba dell’acquisizione di WhatsApp, ma una sorta di entità unica, in grado di fruire liberamente dei dati personali degli utenti.

Ma è davvero così? Innanzitutto va sottolineato che, almeno in Europa, per il momento, tale fusione non avverrà. I vertici di Facebook Inc. e WhatsApp Inc. si sono affrettati a chiarire che, nella pratica, per gli utenti dell’area europea (e del Regno Unito) non cambierà molto, visto che l’applicazione di messaggistica non condividerà con il social i dati personali a scopo di marketing. Il tutto in virtù delle policy sulla protezione della privacy imposta dalle autorità europee stesse, ben differenti da quelle degli altri paesi del mondo.

E quindi cosa cambia, nella pratica, per i fruitori di WhatsApp in Italia? Sostanzialmente nulla. L’aggiornamento delle condizioni d’uso è teso esclusivamente a rendere più chiare e definite le attuali politiche di utilizzo dei dati di base degli utenti, senza tuttavia usarli per pubblicità mirate su Facebook.

Sulla stessa linea, anche le chiamate e i messaggi rimangono protetti dalla crittografia end-to-end, in modo da garantire la tutela e l’anonimato delle conversazioni private. Insomma, tutto ciò per dire che potrai stare tranquillo, almeno fino a che non ci saranno altre sostanziali modifiche, che verranno tuttavia concordate con le autorità europee preposte a garanti della privacy.

Se tutto ciò non ti convince e ormai hai deciso di abbandonare l’applicazione di messaggistica istantanea più usata fino ad oggi, prosegui nella lettura della guida. Troverai i passaggi per cancellare il tuo profilo WhatsApp in modo definitivo.

Precisazioni

In primo luogo, è importante definire cosa si intende per “uscire da WhatsApp”. È infatti possibile che tu stia cercando il modo per disconnettere/scollegare il tuo account da una postazione particolare (ad es. dall’applicazione “WhatsApp Desktop” di un PC fisso, che magari usi a lavoro e condividi con un collega); in questo caso, dovrai seguire una procedura che ti illustrerò nei paragrafi a seguire.

Potresti anche pensare di scollegarti per un po’ di tempo da WhatsApp. Per fare ciò, non è necessario rimuovere il proprio profilo, ma è sufficiente disinstallare WhatsApp sul dispositivo che contiene la scheda SIM con il numero collegato all’account.

Se invece il tuo desiderio è proprio quello di abbandonare definitivamente il servizio di messaggistica, in primo luogo è importante comprenderne tutte le implicazioni. Per questo motivo, ti consiglio di prendere in considerazione alcune opzioni “più soft” prima di passare all’azione, come, per esempio:

Da quali dispositivi si può accedere a WhatsApp

Puoi accedere a WhatsApp usando diverse tipologie di dispositivi elettronici collegati a internet (smartphone, tablet, PC). Il servizio di messaggistica istantanea è disponibile sia in versione “Web” che in versione “app desktop”; quest’ultimo software è scaricabile e installabile gratuitamente sui computer/tablet con sistema operativo Windows 10 o macOS.

Per questo motivo, è importante ricordare di scollegare il proprio account in caso si stia utilizzando un dispositivo in condivisione con altre persone. Di seguito, ti spiego come fare.

Come scollegarsi da WhatsApp Web

uscire da WhatsApp Web

Se hai la possibilità di connetterti da quel PC, procedi come segue:

  1. Aprire il browser su cui è attiva la sessione di WhatsApp Web e collegarsi al sito web.whatsapp.com;
  2. Cliccare sull’icona dedicata alle “Altre opzioni”;
  3. Scegliere l’opzione “Disconnetti”.

uscire da WhatsApp Web Desktop usando app mobile

Se invece desideri controllare e gestire le sessioni di WhatsApp Web da remoto, fai così:

  1. Apri WhatsApp sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone;
  2. Tocca la voce “WhatsApp Web/Desktop” (presente nelle “Impostazioni”) per accedere ad una schermata riportante tutti i dispositivi connessi;
    1. Tocca una delle voci in elenco e fai un tap su “Disconnetti”, se desideri terminare la sessione correlata;
    2. In alternativa, puoi scollegare in blocco il tuo profilo WhatsApp da tutti i dispositivi remoti, toccando “Disconnetti da tutti i dispositivi”.

Per ulteriori informazioni, leggi come disconnettere WhatsApp Web.

Come scollegarsi da WhatsApp Desktop

uscire da WhatsApp Desktop

Se hai modo di utilizzare il PC dal quale ti sei connesso, segui questi passaggi:

  1. Apri l’app WhatsApp Desktop;
  2. Clicca sull’icona Impostazioni (quella recante tre punti posti in orizzontale);
  3. Clicca sulla voce “Disconnetti”.

Se non ti è possibile usare il computer e la sessione fosse ancora attiva, usa il telefono per disconnetterti; puoi seguire le stesse indicazioni che ho dato nel paragrafo precedente per WhatsApp Web.

Come cancellare un profilo WhatsApp definitivamente

Disattivando le sessioni remote come detto sopra, il profilo continuerà ad essere attivo. Per intenderci, per i contatti della tua rubrica risulterai sempre disponibile a chattare su WhatsApp.

Se intendi perseguire la tua intenzione di cancellare totalmente il profilo WhatsApp, dovrai:

  1. Aprire WhatsApp sul telefono e andare nelle “Impostazioni”;
  2. Fare un tocco su “Account” e scegliere l’opzione “Elimina account”.

A questo punto, ti verrà mostrata una pagina illustrativa delle conseguenze dell’eliminazione e, subito sotto, ti verrà proposto di cambiare la numerazione con cui accedi normalmente alle chat.

Se sei proprio convinto della tua scelta, digita il numero di telefono che vuoi rendere indipendente da WhatsApp e conferma l’operazione.

Cosa succede dopo

Ricorda che l’eliminazione del profilo WhatsApp è definitiva, la cronologia dei messaggi sarà eliminata insieme anche al backup delle chat presente su Google Drive (o su iCloud), alle impostazioni dell’applicazione e a tutte le tue informazioni personali: dal nome, allo stato, all’immagine del profilo. Ovviamente, verrai rimosso da tutte le chat di gruppo e non sarai più attivo neppure in quelle individuali.

Sebbene l’eliminazione delle tue informazioni dai database di WhatsApp potrebbe durare fino a 90 giorni dopo la richiesta, non potrai riaccedervi in nessun modo (tutti i dati risulteranno irrecuperabili). Valuta poi che eventuali copie di messaggi inviati da te e in possesso di altri utenti non verranno intaccate dalla cancellazione stessa.

E per quanto riguarda i dati di Facebook? Bene, alla luce di quanto detto all’inizio, in realtà, su questo versante non succederà proprio nulla perché, di fatto, ai cittadini dell’Unione Europea, non è stata ancora imposta – nel momento in cui scrivo – alcuna condivisione di dati tra Facebook e WhatsApp a scopo pubblicitario.

Quali altre app si possono usare

Volendo escludere gli altri servizi di messaggistica istantanea di Facebook, ovvero Facebook Messenger e Instagram Direct, bisognerà ripiegare su altre soluzioni che siano sufficientemente diffuse, al fine di mantenere un buon grado di utilizzo con i contatti registrati nella rubrica.

Tra le alternative a WhatsApp più comuni, vi sono:

  • Telegram: l’app considerata – da sempre – la diretta “concorrente” di WhatsApp, estremamente versatile, sicura e sempre più popolare tra gli utenti;
  • Signal: altro servizio di messaggistica in rapida ascesa per quanto riguarda la platea degli utilizzatori, semplice da usare e sicuro, in virtù del sistema di crittografia affidabile e avanzato.

Se fossi indeciso su quale scegliere tra le due, ti suggerisco di leggere l’approfondimento dedicato alle differenze che ci sono tra Signal e Telegram.

Pubblicità