1. Altre app

Yield Farming in DeFi: introduzione e analisi

Non molto tempo fa, ti ho introdotto nel complesso – ma affascinante – universo della Finanza Decentralizzata, una forma piuttosto recente e ancora sperimentale di sistema finanziario. La DeFi (sigla con cui si indica la Decentralized Finance, per l’appunto) si basa sulla blockchain e funziona grazie a uno “smart contract”; essa non fa affidamento su intermediari come banche e broker, ma concepisce i servizi finanziari in modo nuovo e rivoluzionario, cioè liberi, aperti e accessibili a tutti, in modo diretto, semplice e soprattutto trasparente.

Oggi voglio parlarti di un argomento strettamente collegato alla DeFi, ovvero lo Yield Farming. A primo impatto, potrebbe sembrarti l’ennesima espressione inglese di difficile comprensione, lo so, ma ti assicuro che, alla fine di questo articolo, lo Yield Farming non avrà più segreti per te. Nei prossimi paragrafi ti spiegherò di cosa si tratta, come funziona e quali sono gli strumenti migliori per approcciarsi a questo mondo. Ti sei messo comodo? Allora cominciamo!

Indice

Cosa è

yield farming Ethereum con piante coltivate

Il termine Yield Farming si traduce, letteralmente, come “agricoltura di rendimento” e non è altro che un processo che permette di avere un ritorno economico sul capitale investito. In che modo? Attraverso la ricerca del miglior tasso di guadagno.

In altre parole, lo Yield Farming (che viene spesso indicato anche come “liquidity mining”) è un procedimento tramite il quale i possessori di criptovalute vincolano i loro fondi e guadagnano attraverso interessi fissi oppure variabili. Visto che l’alternativa sarebbe tenere le proprie criptovalute bloccate in un wallet, è ovvio che questa soluzione è allettante per molti. Altrettanto ovvio è che ci sono anche dei rischi, che sarebbe bene non sottovalutare se si decide di avventurarsi in questa pratica.

Come funziona

Il primo passo per lo Yield Farming consiste nell’aggiungere i propri fondi a un pool di liquidità, che va ad alimentare un mercato dove gli utenti possono scambiare, prestare e/o ricevere in prestito i token, ovviamente pagando delle commissioni. I fornitori di liquidità (cioè chi ha aggiunto le proprie criptovalute al pool, per l’appunto) ricevono una percentuale di queste commissioni. Inoltre, possono essere premiati attraverso dei token esclusivi, che non si trovano liberamente sul mercato.

In linea teorica, lo Yield Farming potrebbe sembrare piuttosto semplice; tuttavia, per padroneggiare davvero questo settore e trarne il massimo, sono necessarie strategia ed esperienza; infatti, per ottimizzare i profitti è necessario spostare i propri fondi da un pool all’altro e mettere in pratica diverse soluzioni, anche combinate tra loro.

Metriche di rendimento

Le metriche principali per stimare i profitti legati allo Yield Farming sono:

  • l’Annual Percentage Rate (abbreviata in APR);
  • l’Annual Percentage Yield (abbreviata in APY).

C’è una sostanziale differenza tra le due metriche: l’APY considera anche il cosiddetto “effetto composto” (ovvero il reinvestimento dei profitti per generare ulteriore rendimento), mentre l’APR non ne tiene conto.

Rischi

Come ti accennavo all’inizio di questa guida, lo Yield Farming presenta anche diversi “pericoli”. Vediamo insieme quali sono quelli principali, così che tu possa farti un’idea chiara e completa prima di decidere se vuoi provare a diventare anche tu uno Yield Farmer:

  • Rischi legati agli smart contract, come bug, rischi di sistema e cambiamenti della piattaforma;
  • Rischi specifici della DeFi, come gli attacchi hacker alle pool di liquidità in cui gli investitori aggiungono i loro fondi;
  • Rischi di liquidazione: quando si prendono in prestito gli asset, è necessario offrire una garanzia per il prestito; ma se il valore della garanzia scende sotto il livello impostato dal protocollo, questa potrebbe essere liquidata;
  • Rischi di impermanent loss: quando uno Yield Farmer fornisce le proprie criptovalute a un pool di liquidità e il prezzo degli asset su cui ha investito cambia dopo un certo tempo, si verifica una perdita temporanea.

Le migliori DApp

Le principali App Decentralizzate per lo Yield Farming sono:

  • BNBMatrix.io
  • PancakeSwap
  • Venus
  • Bearn
  • Pancake Bunny
  • Autofarm
  • Sushiswap
  • Uniswap
  • AAVE

Pubblicità