1. Facebook

Visualizzazioni storie Facebook: analisi e utilizzi

Ammettilo: all’inizio, quando Facebook ha introdotto le storie, eri un po’ scettico; ti sembrava solo un modo per copiare Instagram e non ne volevi proprio sapere. Tuttavia, seppur titubante, dopo un po’ di tempo hai iniziato a guardare le storie dei tuoi amici e delle pagine che segui, e alla fine hai deciso di cimentarti anche tu nella loro creazione. Oggi le cose sono ben diverse e sfrutti con piacere questo strumento: condividere su Facebook sprazzi della tua quotidianità (e soprattutto i momenti più piacevoli, come le vacanze, le serate fuori o gli appuntamenti romantici) è infatti diventato un passatempo divertente. Tra filtri, hashtag, musica, sticker e altro ancora, realizzare questi contenuti (brevi e destinati a “scomparire” dopo un giorno esatto dalla pubblicazione) ti piace molto, non solo perché è un altro modo di cui disponi per mostrare la tua vita online ma anche perché ti permette di dare sfogo al tuo estro creativo e di giocare un po’ con la fantasia.

Nonostante tu faccia spesso uso delle storie di Facebook, ti sei reso conto di non padroneggiare ancora alcuni aspetti di questa funzione, che effettivamente sembra nascondere alcuni “segreti” interessanti. In particolare, se produrre e caricare le storie è ormai un gioco da ragazzi per te, hai ancora qualche dubbio su come leggere i dati a esse relativi. Se sei qui, probabilmente è perché vorresti scoprire meglio cosa sono le visualizzazioni delle storie di Facebook, a cosa servono e come funzionano. Sono felice di dirti che sei finito nel posto giusto: in questa guida ti spiegherò tutto quello che devi sapere.

Indice

Chi può vedere le visualizzazioni delle storie di Facebook

visualizzazioni storie Facebook sezione principale del social network

Solo ed esclusivamente il creator può vedere tutte le statistiche relative alle sue storie, incluse le visualizzazioni. Ovviamente, se il creator condivide le sue credenziali di Facebook con altre persone, o se si tratta di una Pagina gestita da più utenti Facebook, anch’essi potranno accedere alle views; ma in generale, questo dato è nascosto agli altri (è privato, non pubblico).

Il principio sta all’opposto rispetto a quello dei post: se chiunque può controllare quanti mi piace (o altre reazioni) e quanti commenti sono stati lasciati sotto un post, nessuno può sapere quante volte è stata visualizzata una storia altrui.

Come funzionano le visualizzazioni delle storie di Facebook

Ogni volta che guardi una storia di Facebook, il social ti traccerà e l’utente che l’ha caricata saprà benissimo che tu l’hai vista. Verrai automaticamente inserito in una lista insieme a tutti gli altri “visualizzatori” e saranno presenti il tuo nome profilo (che spesso ricalca nome e cognome) e la tua immagine del profilo; dunque, sarai facilmente riconoscibile.

Questo concetto vale, ovviamente, anche “a parti invertite”. Ogni volta che pubblichi una storia su Facebook hai infatti la possibilità di controllare chi l’ha visualizzata, accedendo alla lista di cui ti parlavo poche righe fa, dove compaiono nome e foto correlati ai profili di tutte le persone che hanno visto quello specifico contenuto a scomparsa.

Questa operazione si può compiere nel corso delle 24 ore in cui il contenuto è online, ma anche successivamente, andando nell’archivio delle storie di Facebook. È una funzione usatissima: praticamente nessuno carica una storia senza poi andare a controllare chi l’ha visualizzata; a volte per semplice curiosità e altre volte, invece, perché si spera che qualcuno in particolare abbia notato quel video o quella foto.

Se vuoi scoprire di più sul funzionamento delle storie di Facebook e sul modo in cui le visualizzazioni sono tracciate, ti suggerisco di dare un’occhiata alla guida in cui spiego come vedere le storie su Facebook, in cui vi sono informazioni più dettagliate correlate a questo specifico aspetto dell’argomento.

A cosa servono le visualizzazioni delle storie di Facebook

Le visualizzazioni delle storie di Facebook servono a scoprire chi ha visto una storia che abbiamo pubblicato, una possibilità che purtroppo non è disponibile per i post, almeno in modo specifico. Gli amministratori di una pagina Facebook (e non di un classico profilo FB) possono verificare soltanto la copertura dei vari post condivisi (di tipo multimediale e classici), ovvero hanno la possibilità di conoscere in modo indicativo quanti utenti li hanno visti/riprodotti (consultando un contatore totale). Il “chi”, però, non è un’opzione contemplata, se non appunto per le storie, come già ti dissi nella guida su come vedere chi ha visto un video di Facebook.

Le views delle Facebook stories rappresentano quindi un ottimo parametro per capire se i contenuti pubblicati vengono apprezzati dai follower.

Dove si trova il dettaglio delle visualizzazioni delle storie di Facebook

Accedere alle views delle storie di Facebook è molto semplice, indipendentemente dal fatto che tu stia usando lo smartphone o il tablet (con Android o iOS) oppure il tuo PC/Mac (con Windows, Ubuntu/Linux, macOS, etc.). Il procedimento cambia in base allo stato della storia, ovvero se è ancora online o se è già scaduta.

Accedere alle views delle storie online

Di seguito trovi le istruzioni per controllare le visualizzazioni di una storia che è ancora online.

Da smartphone o tablet

  1. Apri l’app di Facebook;
  2. Vai in cima alla sezione Notizie e fai tap sulla miniatura della tua storia, come se volessi riprodurla;
  3. Si aprirà la tua storia e vedrai, a destra, la voce “Dettagli della storia”, da cui potrai accedere alle views.

Se questa opzione non è disponibile, significa che nessuno ha ancora visto la storia in questione.

Da browser

  1. Apri Facebook dal browser (Chrome, Edge, Firefox, Safari, Chromium, etc.);
  2. Avvia la riproduzione delle storie che hai pubblicato;
  3. Soffermati sulla storia da monitorare, quindi seleziona l’opzione “Dettagli della storia” per analizzarla.

Se questa opzione non è visibile, significa la storia non è stata ancora vista/riprodotta da altri utenti.

Accedere alla views delle storie scadute

È possibile verificare le visualizzazioni di una storia vecchia, ovvero di un contenuto a tempo che è stato rimosso automaticamente dalla rete sociale poiché sono trascorse 24 ore dalla sua pubblicazione.

In questo caso, devi prima recarti nell’archivio delle storie; da lì, potrai cercare la storia che ti interessa e poi analizzare le views correlate. Questo tool è utile per confrontare l’andamento delle visualizzazioni nel tempo, nonché per capire se il numero di utenti che guarda le tue storie è rimasto stabile nel tempo, è aumentato oppure è diminuito.

Le views delle storie archiviate – fino a qualche mese fa – erano disponibili anche su Instagram, mentre oggi non lo sono più. Non sappiamo se il team del social network deciderà di eliminarle anche su Facebook, ma, al momento in cui scrivo, sono consultabili.

Chi appare nelle visualizzazioni delle storie di Facebook

Tutti coloro che hanno visto una tua storia compariranno nell’elenco delle views, come accennato. La tua storia, tuttavia, potrebbe essere stata guardata anche da qualcuno che Facebook non è riuscito a tracciare, perché ha trovato un modo per farlo in anonimo. Questa affermazione è valida soprattutto se il tuo account ha una privacy poco ristretta.

Per esempio, un utente potrebbe aver spulciato tra le tue storie mentre il suo smartphone/tablet era in modalità aereo, consapevole di riuscire a passare inosservato grazie a questo semplice trucchetto.

Cosa succede se la storia di Facebook viene vista in anonimo

Come ti ho appena spiegato, esiste anche la possibilità che la tua storia venga vista in anonimo da qualcuno. In questo caso, non c’è niente che tu possa fare per impedirlo. Se la storia contiene un link e l’utente che la sta visualizzando in anonimo lo seguisse, allora verrebbe tracciato, ma comunque non avresti modo di scoprire la sua identità.

È anche vero però che, se hai il sospetto di chi possa trattarsi, potresti sempre bloccare l’utente su Facebook.

Cosa mostrano le visualizzazioni delle storie di Facebook

Le views di Facebook correlate alle storie rilevano quante e quali persone le hanno riprodotte, parzialmente o completamente. Si tratta di un dato utile da tenere sotto controllo per capire diverse cose. Per esempio, se le tue storie vengono viste da un numero di utenti molto inferiore rispetto ai tuoi amici, potrebbe significare che in molti abbiano deciso di disattivarle, magari perché non trovavano interessanti i contenuti da te proposti (ma questa è – ovviamente – soltanto un’ipotesi).

Come funziona l’ordine delle visualizzazioni delle storie di Facebook

Quando guardi la lista delle persone che hanno visualizzato la tua storia, ricordati che l’ordine segue un iter definito, ovvero il seguente:

  • In cima, inizialmente, saranno elencati i tuoi amici di Facebook che hanno visualizzato la storia. Dopo le prime 50 views, fino alle quali si segue l’ordine temporale, decide l’algoritmo. Esatto, ti ricordi bene! Questo principio è molto simile a quello dell’ordine delle visualizzazioni storie di Instagram;
  • Inoltre, tieni conto che, se le impostazioni della privacy della tua storia ammettessero anche i contatti di Messenger, questi verrebbero elencati subito dopo gli amici.

Ricordati infine che, se la tua storia ha una privacy di tipo “Tutti”, vedresti soltanto il numero totale di visualizzazioni, e non i nomi profilo specifici di ogni utente.

Alternative alle visualizzazioni delle storie di Facebook

Un’alternativa alle storie di Facebook è sicuramente rappresentata dalle storie di Instagram. Anche in questo caso, ti sarebbe concesso accedere alla lista completa delle visualizzazioni.

Come altra scelta, potresti optare per i Reels di Instagram o per i video di TikTok. Anche queste funzioni mettono a disposizione diverse tipologie di statistiche, ma solo nei Reels potresti consultare il dettaglio delle views.

Altri modi per tracciare le visualizzazioni delle storie di Facebook

Le visualizzazioni delle storie di Facebook (nonché tutti gli altri dati statistici che ti permettono di capire meglio l’andamento del tuo profilo e/o della tua Pagina) possono essere controllate anche attraverso dei tool esterni e delle app di terze parti, come per esempio Hootsuite. Questo è uno degli strumenti più usati ed esaustivi in ambito di analisi dei social network; è utile anche per programmare i post di Instagram, ovvero per pianificare tutte le attività di un profilo – o di una Pagina – Facebook.

Pubblicità