1. Facebook

Rebrand Facebook: cosa succede e perché

Facebook cambierà nome. Anzitutto, è bene precisare che, almeno per il momento, si tratta di una supposizione che non è stata confermata in modo ufficiale e sulla quale, quindi, non abbiamo certezze, ma possiamo solo fare speculazioni; nonostante questo, sono tante le persone a essere convinte che questo rebranding avverrà veramente, anche sulla base di alcune dichiarazioni del CEO. Infatti, nel luglio 2021, Mark Zuckerberg aveva affermato di voler compiere, nel corso degli anni, una transizione, per portare la gente a non vedere più il gruppo Facebook come una compagnia di social media, bensì come una “metaverse company”. In quest’ottica, il cambio nome di Facebook rappresenterà un segnale forte e importante: l’app con il logo blu e bianco che abbiamo imparato a conoscere così bene nel tempo diventerà solo uno dei tanti prodotti della holding, proprio come Instagram, WhatsApp, Oculus e altri ancora.

In questo articolo ti spiegherò meglio in cosa consisterà questo rebranding di Facebook Inc. e in che modo ciò potrebbe modificare la tua esperienza d’uso con le applicazioni correlate a tale società.

Indice

Quando avverrà

rebrand Facebook Zuckerberg motto You Have Been Zucked

Non è certo quando avverrà questo fatidico cambio nome di Facebook. Secondo le indiscrezioni, però, Mark Zuckerberg ci farà sapere qualcosa il 28 ottobre 2021, in occasione dell’annuale conferenza “Connect”, che tiene per il magazine online “The Verge”.

In cosa consiste

Sembra che a cambiare nome non sarà la celebre app su cui quasi tutti noi abbiamo un profilo e che usiamo per condividere stati e foto, mantenerci in contatto con gli amici e tenerci informati. Il rebranding interesserà la holding Facebook Inc., sotto il cui nome troviamo anche Instagram, WhatsApp, Oculus e altre società.

Grazie al rebrand di Facebook, il social network e la società che lo gestisce saranno facilmente distinguibili. Si eviterà pertanto tutta quella confusione che c’è stata fino a questo momento. Inoltre, si darà una prospettiva diversa alla società, che è stata messa “in cattiva luce” per più volte nel corso del tempo (soprattutto a seguito del furto dei dati di Facebook e dopo lo scandalo “Cambridge Analitica”).

L’esempio di Alphabet

Quello che sta facendo Facebook somiglia moltissimo a quello che ha fatto, nel 2015, Google: sei anni fa, la holding ha cambiato nome da Google Inc., appunto, ad Alphabet Inc..

Google è rimasto (con YouTube, Gmail, Google Maps ecc.) uno dei tanti servizi offerti da Alphabet (ovvero il motore di ricerca), insieme a X, Project Loon, Sidewalk Labs, Calico e altre società correlate.

Come cambieranno Instagram e WhatsApp

Se Instagram e WhatsApp sono alcune delle app che usi che più spesso nel corso della tua giornata, rispettivamente per condividere foto, video e altri contenuti e per chattare con le tue cerchie, la notizia di questo rebranding potrebbe averti messo in allarme. Queste applicazioni cambieranno? E, se sì, in che modo?

Spero di darti una buona notizia nel dirti che Instagram e WhatsApp non subiranno variazioni e che potrai continuare a usarle come hai sempre fatto. L’unica differenza potresti notarla aprendo le app: al posto di quel “from Facebook” che adesso compare in basso, potrebbe esserci il nuovo nome della holding.

Cosa avverrà alle pubblicità

Anche sull’aspetto pubblicitario, nonostante la mancanza di notizie ufficiali, sembra che si possa stare tranquilli. Il rebrand di Facebook Inc., infatti, non dovrebbe avere ripercussioni sulle campagne di sponsorizzazione che le aziende mettono in atto su questo social.

Incidenza del nome sul mercato azionario

Un altro aspetto su cui in tanti si stanno interrogando riguarda l’impatto del rebranding del gruppo Facebook sulla borsa. Attualmente, non possiamo dare una risposta definitiva (come si dice “chi vivrà vedrà”), però è interessante notare che martedì, quando ha iniziato a circolare la notizia del cambio nome, le azioni di Facebook hanno avuto un rialzo dell’1,4%.

Certo è che, stando alle parole del CEO, il rebrand di Facebook e tutto quello che ne consegue porterà a un incremento notevole dei posti di lavoro; si ipotizza, infatti, l’assunzione di altre 10.000 persone.

Pubblicità