Come attivare o modificare la localizzazione di iPhone

La localizzazione dell’iPhone è una funzione utile per diversi motivi: essa permette di ritrovare il dispositivo in caso di smarrimento e di far sapere agli altri dove ci troviamo.

Peraltro, alcune applicazioni richiedono di attivare questa funzione affinché possano fornire un discreto servizio (banalmente, parliamo di Google Maps, Apple Maps, ma anche di Tinder, Facebook, WhatsApp e altre).

Ebbene, se non riesci ad utilizzare alcune app sul tuo iPhone, il problema potrebbe essere proprio legato al tracciamento della posizione. Vediamo dunque come fare per regolarla al meglio su iOS (tenendo in considerazione anche l’aspetto “privacy”).

Come attivare localizzazione iPhone

  1. Apri le Impostazioni del tuo iPhone;
  2. Scegli Privacy e poi Servizi di localizzazione. Controlla che ci sia la spunta verde o il di fianco ad essa (ovvero che il servizio di localizzazione sia attivo);
  3. In un elenco, in basso, troverai i nomi delle app scaricate sul tuo iPhone: in questo modo, puoi decidere a quali concedere l’accesso alla posizione e in quali circostanze.
impostazioni localizzazione iPhone

Come abbiamo ricordato nel paragrafo precedente, le opzioni disponibili sono:

  • Mai, per vietare l’accesso;
  • Mentre usi l’app, per consentire il tracciamento solo durante l’utilizzo dell’app;
  • Chiedi la prossima volta, per concedere l’accesso alla posizione solo una volta;
  • Sempre, per garantire l’accesso alla posizione in ogni circostanza, anche in background.

Come cambiare le opzioni di localizzazione

Puoi cambiare le opzioni di localizzazione e impedire/consentire alle app di accedervi in ogni momento. La prima possibilità che hai a disposizione è quella di disinstallare l’applicazione e reinstallarla: in questo modo, resetterai le preferenze di sistema correlate.

La cosa migliore, tuttavia, è modificare le impostazioni per le singole app (come ti ho spiegato prima, usando le impostazioni di iOS). Potrai approfittarne anche per fare un controllo su tutte applicazioni installate, così saprai quali hanno accesso alla localizzazione e in quali circostanze.

Qual è la differenza tra posizione e localizzazione su iOS?

I termini “posizione” e “localizzazione” possono essere usati in modo intercambiabile in alcuni contesti, ma su iOS, spesso si riferiscono a concetti leggermente diversi, specialmente quando si tratta di impostazioni e funzionalità.

  1. Posizione:
    • La “posizione” si riferisce spesso alla posizione geografica fisica del dispositivo.
    • iOS utilizza GPS, Wi-Fi, e reti cellulari per determinare la posizione del dispositivo.
    • Le app come Mappe, Trova il mio iPhone, e altre app di terze parti possono richiedere l’accesso alle informazioni di posizione per fornire determinati servizi, come la navigazione, la ricerca di luoghi nelle vicinanze, o la condivisione della posizione con amici e familiari.
  2. Localizzazione:
    • La “localizzazione” si riferisce più alla personalizzazione dell’esperienza utente in base alla lingua, alla regione o al paese.
    • Ad esempio, la localizzazione delle app include la traduzione del testo dell’interfaccia utente, la formattazione di date e numeri, e altre personalizzazioni che rendono un’app o un servizio più facilmente utilizzabile da persone di diverse aree geografiche.
    • La localizzazione può anche riferirsi all’adattamento di un’app o di un servizio in modo che rispetti le leggi e le normative locali.

In sintesi, mentre la “posizione” si riferisce spesso alla posizione geografica del dispositivo, la “localizzazione” tende a riferirsi all’adattamento di software e servizi in base alla lingua, cultura e leggi della regione dell’utente. Entrambi i concetti contribuiscono a creare un’esperienza utente più personalizzata e utile su iOS.

Anche nel caso della localizzazione avviene lo stesso, ma c’è la possibilità di regolare l’accesso alla posizione da parte delle app.

Concedere l’uso della localizzazione alle app

Quando scarichi una nuova app o utilizzi per la prima volta il tuo nuovo iPhone, visualizzerai delle notifiche sullo schermo. Precisamente, le vedrai ogni qualvolta che un servizio o un’app avrà bisogno di “leggere” la tua localizzazione. Dovrai decidere se concedere l’accesso alla localizzazione o meno.

Avrai a disposizione diverse scelte: “Non consentire”, “Sempre”, “Mentre usi l’app”, “Consenti una volta” e “Chiedi la prossima volta”. Vediamo nel dettaglio come funzionano.

Si può abilitare la localizzazione dell’iPhone da remoto?

No. Quello che puoi fare è configurare il tuo account iCloud su iOS per controllarlo poi da remoto. Specificamente, dovresti attivare l’opzione “Trova il mio iPhone”.

Così facendo potresti capire dove si trova iPhone usando un altro dispositivo connesso all’account iCloud e a internet (un altro iPhone, un iPad o un Mac). Tramite icloud.com potrai infatti rilevare le sue coordinate GPS, nonché comandarlo a distanza. Questo, ovviamente, a patto che sia ancora acceso.

Come si fa a vedere dove si trova una persona con iPhone?

Localizzare una persona tramite il suo iPhone può essere fatto in diversi modi, ma è importante notare che per ragioni di privacy e sicurezza, tale localizzazione richiede il consenso della persona interessata.

Ecco alcune opzioni:

  1. Trova i miei amici (o Dov’è i miei su iOS 13 e versioni successive):
    • Questa app consente di condividere e vedere la posizione di amici e familiari sul tuo iPhone, iPad o iPod touch.
    • Chiedi alla persona di condividere la sua posizione con te tramite l’app. Una volta che hanno condiviso la loro posizione, puoi aprire l’app e vedere dove si trovano in tempo reale.
  2. Condivisione della posizione in Messaggi:
    • In una conversazione iMessage con la persona, puoi chiedere di condividere la loro posizione con te.
    • Una volta che hanno condiviso la loro posizione, puoi toccare “Info” nella parte superiore della conversazione per vedere la loro posizione su una mappa.
  3. Condivisione della posizione in Google Maps:
    • Google Maps offre anche una funzione di condivisione della posizione. Puoi chiedere alla persona di condividere la sua posizione con te tramite Google Maps.
    • Una volta che hanno condiviso la loro posizione, puoi aprire Google Maps e vedere dove si trovano.
  4. App di Terze Parti:
    • Esistono numerose app di terze parti disponibili che consentono di condividere e visualizzare la posizione di altre persone. Alcune di queste app includono Life360 e Familo.
    • Ancora una volta, la persona dovrà scaricare l’app, creare un account e consentire la condivisione della posizione con te.

In tutti questi casi, è essenziale ottenere il consenso della persona prima di cercare di localizzare il suo dispositivo. La privacy e la sicurezza sono di primaria importanza, e la condivisione delle informazioni sulla posizione dovrebbe essere fatta in modo responsabile.

Si può abilitare la localizzazione di un altro iPhone?

Se due iPhone sono collegati allo stesso account Famiglia o allo stesso account iCloud, è probabile che l’opzione “Trova il dispositivo” venga abilitata dopo averlo fatto la prima volta.

Se l’account è diverso, invece, non è possibile. In ogni caso, se l’iPhone in questione appartenesse a un’altra persona – anche a un minore – dovresti prima chiedere il consenso al tracciamento.

Se stai cercando di tracciare le posizioni frequenti

Potresti essere arrivato a questa mia guida sulla localizzazione perché non sai come risalire alle posizioni rilevanti dell’iPhone. Questo dispositivo Apple infatti memorizza i luoghi in cui ti sei recato con maggior frequenza e li mostra sulla mappa, sempre attraverso la “Localizzazione” di iOS.

Per ulteriori informazioni su questa funzione, consulta la guida in cui spiego come vedere le posizioni frequenti sull’iPhone.

Se stai cercando di ritrovare un iPhone smarrito

Uno degli imprevisti più sgradevoli per quanto riguarda la tecnologia, è perdere uno dei propri dispositivi. Purtroppo è capitato anche a me, e il senso di frustrazione, e a volte di smarrimento – poiché da lì passano “le nostre vite” e il nostro lavoro -, è tanto.

In questa situazione, ti suggerisco di consultare il tutorial in cui spiego come ritrovare un iPhone perso. Potresti avere buone probabilità di ritrovarlo, soprattutto se in precedenza avevi abilitato la funzione “Trova il mio dispositivo”.

Autore
Lorenzo Renzetti
Sono un blogger e divulgatore informatico appassionato dell'informatica e dei servizi di social networking. Creo contenuti volti a migliorare l'esperienza utente su multi-piattaforma, tutelando privacy e sicurezza.

Creato con il in Italia - Privacy Policy - Cookie Policy - Preferenze privacy