Come si scrive whatsapp, wazzup, uozzap o uò zap?

Tra Wazzup, Uozzap e simili ti starai chiedendo come si scrive Whatsapp?  Il termine corretto per indicare il servizio di messaggistica ormai famoso in tutto il mondo è Whatsapp. Pertanto, tutte le varianti come “uozap”, “uozzap”, “whatzap”, “uò sap” e altre simili sono errate. Le sole versioni corrette sono “whatsapp” o “WhatsApp“.

Il nome dell’app nasce come un gioco di parole che prende spunto dalla frase colloquiale inglese “What’s up?” ovvero “Come va?” utilizzata molto spesso nel linguaggio parlato per iniziare una conversazione. I creatori dell’app hanno tolto “up” dall’espressone “What’s up?” rimpiazzandolo con “app”. Whatsapp è quindi un app che permette ad un interlocutore di chiedere in tempo reale ad un altro interlocutore “come va?”.

Come per tantissime parole entrare nell’uso quotidiano, Whatsapp non è più solamente un nome di un app ma viene utilizzato anche per indicare in generale un messaggio: da qui la tipica frase “ti mando un whatsapp” e la nascita del verbo “whatsappare” che insieme a photoshoppare, googolare, instagrammare e twittare è entrato nel vocabolario italiano come verbo derivante da un software.

Come si scarica Whatsapp?

Se hai appena acquistato uno smartphone di ultima generazione ci sono molte probabilità che Whatsapp sia già stata installata. In caso contrario, per scaricarla basta accedere a Google Play se hai un android o App Store se hai un Iphone e cercare l’app.

Una volta scaricato Whatsapp sul tuo smartphone, procedi creando un account utilizzando il tuo numero di telefono e scegliendo un nome ed un immagine profilo.

È possibile accedere a Whatsapp anche da laptop e pc grazie a Whatsapp Web digitando “Whastapp Web” sul tuo motore di ricerca. Puoi anche utilizzare Whatsapp senza dover tenere alcun browser aperto grazie alle app create per Windows e Mac.

Homepage di Whatsapp Web

Se vuoi conoscere tutte le funzionalità e i segreti di Whatsapp consulta le mie guide online a questo indirizzo.

Autore
Paolo Dal Lago
Appassionato di tecnologia da quando per la prima volta, a 13 anni, ho sentito parlare di quella strana cosa in arrivo chiamata "Internet". Durante la pandemia covid ho creato la piattaforma senza scopo di lucro TorniamoPresto.it, per aiutare concretamente i commercianti a superare le difficoltà grazie al digitale.

Creato con il in Italia - Privacy Policy - Cookie Policy - Preferenze privacy