1. Altre app

Wordle: come si gioca e versioni italiane

L’avrai visto sugli account social di amici e conoscenti: un tweet o un post con tanti strani quadratini verdi, grigi e gialli e una parola: Wordle. Si tratta di un gioco old school – simile ai giochi di WhatsApp di cui ti ho già raccontato – che sta spopolando in queste settimane online, creato da un programmatore per la compagna appassionata di enigmistica e diventato un’ossessione collettiva.

Le dinamiche di gioco sono semplici, ma la risoluzione tutt’altro che scontata: bisogna avere un discreto vocabolario, una buona strategia e non perdere la calma. Se sei curioso di metterti alla prova con questa versione essenziale del vecchio Scarabeo, ecco la guida completa a Wordle: dalle regole alle strategia di gioco, passando per le caratteristiche uniche di questo titolo e per i siti dove giocare la – ben più accessibile – versione italiana.

Indice

Cos’è, chi l’ha creato e quando è nato

Wordle gioco frase amo le persone che usano le cose l'opposto non funziona

Creato dal programmatore Josh Wardle per far divertire la moglie appassionata di giochi di parole ed enigmistica, Wordle si chiama così per omaggiare il suo ideatore. Il titolo del gioco infatti “storpia” il suo cognome cambiando una a in una o e facendo così riferimento alla parola inglese word, parola.

Lo scopo del gioco è indovinare una parola di cinque lettere, con soli 6 tentativi a disposizione. Ogni volta che si inserisce un’opzione, il gioco rivela quali lettere si trovano nella parola e quali no, ovvero se quelle presenti siano o meno nella giusta posizione.

Inizialmente diffuso tra amici e familiari della coppia, Wordle è stato reso disponibile online dopo l’enorme successo raccolto tra i conoscenti dei Wardle. Da ottobre 2021 ad oggi, ha guadagno un pubblico di milioni di utenti, diventando un fenomeno di costume e oggetto di articoli e servizi in TV.

Caratteristiche

esempio di gioco Wordle

Basato su poche regole e su una grafica davvero essenziale, Wordle ha una caratteristica che lo differenzia dalla maggior parte dei giochi online di successo: non esiste un’app ufficiale dedicata, al momento in cui scrivo. Si può giocare solo via browser, connettendosi al sito powerlanguage.co.uk.

Il creatore del gioco ha assicurato che il sito non mira a raccogliere denaro né dati personali: non ci sono pubblicità né banner e il gioco rimarrà per sempre gratuito. Tuttavia si può giocare una sola volta al giorno, con una sola parola: che si indovini oppure no, bisognerà aspettare 24 ore per giocare di nuovo.

La parola del giorno è uguale per tutti, quindi è buona pratica non rivelarla online o nella vita ad altri giocatori, che potrebbero non aver ancora giocato. In ogni caso, è possibile condividere i propri risultati senza svelare la parola.

Una volta conclusa la partita, cliccando su “share” viene copiata negli appunti una griglia che riassume i tentativi fino alla fine della partita, che possono essere poi incollati su Facebook, Twitter o qualsiasi altro social.

statistiche Wordle

In questo tweet stiamo condividendo una partita molto fortunata, in cui la parola è stata indovinata al terzo tentativo. Sappiamo quindi com’è stata la partita della persona che ha fatto il tweet senza però conoscere la parola (e, quindi, potendo ancora giocare in prima persona).

Regole e modalità di gioco

Lo scopo di Wordle è indovinare una parola inglese di 5 lettere, avendo a disposizione 6 tentativi. Le regole da conoscere sono poche e molto semplici, e appaiono all’apertura del sito web dedicato.

Ogni volta che si inserisce una parola di 5 lettere di senso compiuto in inglese nella griglia, le caselle ruotano e diventano di uno di questi tre colori:

  • Verde – la lettera corrispondente è presente nella parola da indovinare ed è nella posizione giusta;
  • Giallo – la lettera corrispondente è presente nella parola da indovinare, ma occupa un’altra posizione rispetto a quella attuale;
  • Grigio – la lettera corrispondente non è presente nella parola da indovinare.

Man mano che si inseriscono nuovi tentativi, le lettere si colorano anche sulla tastiera, rendendo più semplice capire quali lettere si siano già scartate e quali no.

Non c’è un limite di tempo per indovinare la parola. Se si prova ad inserire una parola non esistente, non verrà accettata dal gioco.

Versioni italiane

Giocare a Wordle richiede una buona conoscenza del lessico e della grammatica inglese. Non è impossibile e in molti italiano giocano nella versione originale, ma di certo richiede uno sforzo in più per i non madrelingua, nonché una conoscenza dell’inglese superiore a quella media italiana.

Per fortuna, sono nate alcune versioni del gioco che funzionano esattamente allo stesso modo, interamente realizzate in italiano e basate su parole e dizionario nostrani.

Le più note sono:

Strategie e trucchi

Wordle è un gioco tutt’altro che semplice e richiede molta abilità e un po’ di fortuna, specie per i giocatori italiani che si confrontano con un dizionario non da madre lingua. Tuttavia esistono un po’ di mosse che facilitano la ricerca della parola misteriosa, sia che giochiate in italiano sia in inglese.

In dettaglio, ti suggerisco di:

  • Cominciare dalle vocali: sia in inglese sia in italiano, è consigliabile inserire come prima parola una che contenga due o più vocali. Le vocali sono solo 5 in italiano (6 in inglese con la y) e sono presenti in tutte le parole;
  • Cercare di posizionare correttamente le vocali: Una volta individuate le vocali, se si colorano di giallo, nei tentativi successivi, tentate di farle diventare verdi, provando a posizionarle altrove, tenendo conto delle specificità della lingua (in italiano, per esempio, quasi tutte le parole finiscono per vocale). Quando le vocali saranno posizionate, sarà molto più semplice individuare le consonanti. Inoltre, la posizione delle vocali dice molto delle consonanti che precedono o seguono. Una vocale come a oppure o in terza posizione, per esempio, potrebbero richiedere in seconda una u, una i o una doppia consonante (dove, solitamente, la seconda è una r o una t).

Inoltre, tieni presente che:

  • Alcune consonanti vanno in coppia: In italiano, la presenza di una q – solitamente – richiede una u; p e b sono spesso precedute da m; h è anticipata di solito da una g o da una c e seguita da una vocale. La grammatica – inglese o italiana – e le sue regole aiutano a indovinare la parola;
  • Attenzione alle doppie: Una delle parole divenute più celebri – perché in molti, per la prima volta, non sono riusciti a indovinare con i 6 tentativi – è abbey, abbazia. Fai attenzione alle doppie: non sempre due spazi equivalgono a due lettere differenti;
  • Attenzione alle lettere verdi: Se una lettere è verde, significa che è stata posizionata correttamente, ma ciò non esclude che possa ripetersi all’interno della parola. Ti faccio un esempio: se la parola da indovinare fosse carta e tu inserissi a come seconda lettera, al tuo primo tentativo diventerebbe subito verde, ma ancora non sapresti che c’è una seconda a nella parola. Quando sei vicino alla soluzione, ricorda sempre di dare una chance alle lettere (in particolare le vocali) che sono già verdi.

Pubblicità