1. Altre app

Le 7 migliori app per imparare le lingue: analisi e confronto

Conoscere lingue diverse da quella madre è molto importante sopratutto nella società globalizzata di oggi. Sempre più persone si impegnano ad apprendere una nuova lingua sia per motivi lavorativi ma anche per svago. Ci sono molte scuole e corsi online su cui fare affidamento per il tuo percorso formativo ma questo implica investire dei soldi e del tempo.

Immagino che hai iniziato ad informarti su quali sono le app per imparare una lingua straniera ma avendone trovate parecchie ti senti un po’ confuso. Non preoccuparti.. ho provato e analizzato parecchi applicazioni e ho selezionato le migliori 7 in modo da farti risparmiare tantissimo tempo! In questa guida troverai la top 7 delle migliori app per imparare le lingue con recensioni e una guida per scegliere.

Top 7 Migliori App per imparare le lingue, recensioni e guida per scegliere

Classifica delle 7 migliori app per imparare le lingue

Esistono moltissime applicazioni online che ti possono aiutare ad imparare una lingua. Per facilitarti la ricerca, ho creato una classifica delle 7 migliori app.

Mondly

Una delle app più popolari per imparare le lingue è Mondly, una piattaforma creata in Romania nel 2014 da un compagnia EdTech. Nell’aprile del 2022 Mondly è stata acquistata dalla compagnia editoriale londinese Pearson. Ad oggi, Mondly viene utilizzata da 100 milioni di utenti in oltre 190 paesi che possono studiare 41 lingue madri nella versione web della piattaforma o sull’applicazione per iOS e Android.

L’applicazione è scaricabile gratuitamente da Google Play e App Store ed offre sia una versione gratuita sia una a pagamento a $9,99 al mese. L’app si presenta con un interfaccia intuitiva e semplice. È progettata per aiutare a migliorare le abilità orali grazie ad una tecnologia di riconoscimento vocale per correggere la grammatica e la pronuncia degli utenti.

Uno strumento di realtà virtuale è stata recentemente introdotto nel pacchetto premium. Questo ti permette di “vivere” situazioni quotidiane ed esercitare il tuo inglese. È presente anche una chatbot molto divertente con la quale puoi iniziare delle conversazioni. Mondly è l’applicazione perfetta per chi vuole studiare le lingue ed è alle prime armi. App per imparare le lingue Mondly

Duolingo

Duolingo è una delle app più utilizzare per imparare le lingue. È un vero e proprio social network nel quale gli utenti possono accedere ad una vasta quantità di materiale gratuito per l’apprendimento. La prima versione risale al 2011 ma già nel 2014 contava 25 milioni di utenti di cui 12,5 attivi. Puoi scaricare l’applicazione gratuitamente sia per iPhone che per Android e creare un profilo completamente gratuito. Esiste anche la versione Plus al costo di €13,99 al mese con tool extra e diversi tipi di piano di studio per imparare le lingue.

L’app è bastata sulla teoria del microlearning e puoi dedicare da uno a 15 minuti al giorno per l’apprendimento. Inoltre, con l’utilizzo del gamification puoi accedere a contenuti più avanzati quando superi i quiz proposti. Questo aspetto è molto divertente e facilita la motivazione degli utenti.

All’interno dell’app troverai diversi tipi di esercizi che variano dall’abbinamento di parole simili, a tradurre e pronunciare correttamente delle frasi, a indovinare il significato preciso di un lessico. Puoi anche sfidare gli altri utenti dell’app o i tuoi amici.

Duolingo è un ottimo aiuto per chi muove i primi passi nell’apprendimento di una lingua ma anche per gli utenti che hanno un livello medio. Ci sono diverse funzionalità che ti permettono di migliorare le tue conoscenze di base.

Duolingo, app per imparare le lingue

Babbel

Un’altra app per imparare le lingue è Babbel, una piattaforma online creata per l’apprendimento creata nel 2007 e lanciata nel 2008. Nel 2018 Babbel ha raggiunto il milione di iscrizioni. Le sue funzionalità sono accessibili nella versione web ma anche da app instancabile su Android e iOS.

La piattaforma offre 14 lingue e oltre 60 mila lezioni che includono le basi della grammatica ma anche argomenti come il lavoro, relazioni, viaggi e cultura. L’app offre lezioni per migliorare l’ascolto, la scrittura, la lettura e la conversazione. Puoi accedere alle lezioni con un abbonamento di circa €12,99 al mese ma la piattaforma offre degli sconti quando sottoscrivi ad abbonamenti più lunghi.

Babbel include esercizi molti diversificati e interattivi che rivelano i punti di forza e debolezza degli utenti. In questi modo la piattaforma può personalizzare le attività e i corsi di conseguenza. L’obiettivo di Babbel è aumentare il vocabolario degli studenti utilizzando il significato di una parola in diversi contesti.

Consiglio questa app a coloro che non hanno mai imparato una lingua e vogliono partire da zero.

Screenshot di Babbel, app per imparare le lingue

Memrise

Memrise è una piattaforma linguistica che utilizza la ripetizione dilazionata per imparare le lingue. In altre parole, l’app ti aiuta a memorizzare quanti più vocaboli possibili attraverso degli esercizi interattivi e divertenti. Al momento, Memrise offre 10 corsi e conta oltre 60 milioni di utenti registrati.

Puoi accedere alle lezioni scaricando l’app compatibile con iPhone e Android. L’app è gratuita per i primi livello di certe lingue ma dovrai abbonarti per accedere ad ulteriori contenuti. Al momento, il prezzo è di €8,99 al mese.

Nell’app troverai vari tipi di attività per memorizzare le parole come quiz, video, giochi e traduzioni. Durante le lezioni puoi segnalare le parole e le frasi comuni più difficili in modo che queste vengano ripresentate in altre lezioni.

Anche se Memrise è ottimo per aumentare il lessico e il vocabolario a livello base, alcuni utenti hanno comunicato che mancano altri elementi come la grammatica e la pronuncia.

Screenshot di Memrise, app per imparare le lingue

Rosetta Stone

Rosetta Stone è un app di apprendimento delle lingua inglese creata da una compagnia americana di software per l’educazione. La piattaforma può essere utilizzata sul web ma anche tramite l’app per iPhone e Android.

I corsi sono a pagamento e partono da €11,99 al mese. I contenti sono divisi in unità e sono tutti in inglese e non nella tua lingua madre in modo da creare una vera e propria esperienza full immersion. L’app utilizza un software con riconoscimento vocale per aiutarti nella pronuncia. Potrai utilizzare anche una chat room dove incontrare altri studenti di inglese con i quali condividere suggerimenti e fare domane. Inoltre, sono presenti vari giochi e quiz che rendono l’apprendimento più divertente e interattivo. Nella versione a pagamento sono incluse fino a quattro lezioni tramite video-chat con un tutor per 25 minuti. Le lezioni possono includere fino a quattro persone.

L’app richiede grande dedizione ed è una delle opzioni più costose in questa lista delle top 7 migliori app per imparare le lingue. Rosetta Stone è uno dei software più famosi e longevi essendo sul mercato da ormai 25 anni.

Pagina di Rosetta Stone, app per imparare le lingue

Drops

La prossima app che ti voglio presentare è Drops. Si tratta di una piattaforma per l’apprendimento che si concentra molto sul miglioramento del vocabolario degli utenti. L’app offre oltre 30 lingue con corsi per aiutarti a imparare alfabeti non latini come giapponese, cinese, ebraico, russo, arabo, hindu e coreano.

Puoi installare l’app sul tuo smartphone Android o iOS e provarla gratis per sette giorni. Al termine, dovrai abbonarti per accedere alle lezioni ad un costo di €9,99 al mese. L’interfaccia utente è molto piacevole oltre ad essere intuitiva con tante immagini che aiutano nell’apprendimento.

Molte lezioni consistono nella ripetizione controllata del lessico che aumenta la padronanza di termini e vocaboli. Ti servono solo 5 minuti al giorno per svolgere le lezioni. Questa caratteristiche la rendono un’app perfetta se vuoi sfruttare i tuoi tempi morti.

Come per altre app che sono state incluse in questa lista, Drops è ottima per imparare le basi perché offre lezioni “visive” ai nuovi studenti.

App per imparare le lingue Drops

Busuu

L’ultima app della mia lista è Busuu, un servizio di social network per imparare le lingue. La particolarità della piattaforma che la rendono appetibile a molti studenti è la possibilità di aiutare gli altri utenti nell’apprendimento.

Busuu ha una versione gratuita ma molte funzioni sono disponibili per gli utenti Premium. Gli abbonamenti partono da €4,99 al mese ma l’app è scaricabile gratuitamente da Google Play e l’App Store.

Le lezioni della versione gratuita consistono in una serie di flashcard con dialogo registrato. Grazie ad un software di riconoscimento vocale puoi esercitarti ripetendo le frasi. Le lezioni sono progettate per durare 10 minuti ma puoi scegliere di esercitarti più a lungo.

I membri premium hanno più benefici e possono accedere a contenuti su misura come scegliere il  piano di studio più adatto alle loro esigenze e scegliere di ricevere notifiche. All’interno della piattaforma troverai un forum per metterti in contatto con altri studenti e trovare un partner linguistico.

Questa app è utile per gli studenti che vogliono migliorare la pronuncia e per imparare vocaboli importanti da utilizzare nella vita di tutti i giorni.

Esercizi per imparare le lingue su Busuu

Le app per imparare le lingue sono davvero efficaci?

Adesso conosci le miglior app per imparare le lingue ma vuoi sapere se sono davvero efficaci? Ci sono tanti vantaggi dall’utilizzare una o più app per apprendere una nuova lingua ma è sempre meglio utilizzarle come parte di un programma più vasto.

Per avere degli sviluppi importanti e imparare in breve tempo una lingua non puoi affidarti esclusivamente ad un app. Devi introdurre nel tuo apprendimento anche altri metodi per sviluppare le tue competenze nel parlato, scrittura, ascolto, lettura, pronuncia e conoscenza della grammatica.

Non devi spendere molti soldi per imparare una lingua ma trovare il metodo di apprendimento che ti permetta di progredire e aumentare il tuo livello linguistico. Ecco alcuni consigli:

  • Combina app e metodi: non esiste un’app che ti insegna tutte le abilità linguistiche poiché tutte hanno punti di forza e punti deboli. Puoi scaricare app che esercitano diverse abilità come Memrise e Duolingo. Oppure, iniziare un corso, guardare film in altre lingue, cercare forum dove chattare con persone madrelingua ecc.
  • Concentrati sulle aree di maggiore difficoltà: durante le tue lezioni capirai molto presto quali sono le abilità sulle quali dovrai spendere un po’ più tempo rispetto ad altre. Una volta trovate, scarica delle app che ti aiutino a migliorare le tue competenze. Per esempio, se fai fatica con la pronuncia puoi affidarti a Busuu o Mondly.
  • Dai priorità alla conversazione orale: non trascurare la conversazione o rischierai di non essere in grado di utilizzare tutte le altre abilità. Cerca delle app che ti permettano di conversare con altri utenti o con dei tutor come per esempio Rosetta Stone.

Consigli per scegliere la migliore app per lingue straniere

Con tutte le app per imparare le lingue presenti sul mercato è molto difficile scegliere quella più adatta alle tue esigenze. Dopotutto, non vuoi pagare un abbonamento per poi scoprire che quell’app non ti piace. In questo paragrafo troverai una serie di consigli per scegliere la migliore app per lingue straniere:

  • Scegli quale lingua vuoi imparare: ogni app ha un numero limitato di lingue disponibili. Anche se le lingue più popolari come spagnolo, inglese, francese e tedesco sono disponibili in tutte le app, se vuoi imparare una lingua meno conosciuta devi scegliere un app che ti permetta di accedere a contenuti specifici per il tuo apprendimento;
  • Considera il tuo stile di apprendimento: vuoi un approccio a tutto tondo o preferisci concentrarti su un abilità specifica? Vuoi migliorare il tuo vocabolario o la pronuncia? Queste domande ti aiuteranno a ridurre il campo di scelta;
  • Considera come ti piace imparare: alcune app adottano un metodo di insegnamento più standard mentre altre preferiscono metodi più moderni o esclusivi;
  • Qual è il tuo obiettivo finale: se stai studiando una lingua per interesse personale e non per ragioni lavorative hai una scelta più ampia di applicazioni. Se il tuo obiettivo è imparare una lingua per far fronte a situazioni del mondo reale, per il lavoro o i viaggi allora concentrati su un app che ti aiutino in questo scopo.

App per imparare le lingue straniere: pro e contro

Siamo arrivati quasi alla fine della mia guida. Consoci quali sono le 7 miglior app per imparare le lingue e hai imparato come scegliere quella adatta al tuo percorso di apprendimento. Ora scopriamo assieme quali sono i pro e i contro delle app per imparare le lingue straniere.

Pro

Ecco alcuni vantaggi delle app per imparare le lingue straniere:

  • Puoi accedere a più risorse, molte volte gratuite per l’apprendimento;
  • Tutte le app offrono una grande varietà di esercizi;
  • Puoi acquistare abbonamenti specifici per una competenza oppure creare dei veri e propri corsi su misura;
  • Il prezzo degli abbonamenti è sicuramente più basso rispetto a quello che ti offrono scuole, corsi online e in presenza;
  • Puoi studiare quando vuoi e da dove vuoi tenendo traccia dei tuoi progressi;
  • I corsi sono più strutturati e i metodi di insegnamento più efficaci;
  • Le app ti offrono una prova gratuita in modo che tu possa scegliere quella che ti piace di più;
  • Puoi fare “microlearning” ovvero imparare in “piccoli bocconi”;
  • Sono divertenti da utilizzare, molte propongono elementi di gamification e competizione.

Contro

Come abbiamo visto in un paragrafo precedente le app non sono necessariamente le soluzioni migliori per imparare una lingua sopratutto per gli studenti che cercano corsi specializzati o che vogliono aumentare il loro livello. Ecco alcuni svantaggi delle app per imparare le lingue:

  • Livelli: le app vanno bene per i principianti ma non sono adatte per gli studenti di livelli superiori;
  • Focus limitato: molte app si convertano sul lessico e il vocabolario trascurando abilità essenziali quali grammatica e conversazione;
  • Spiegazioni limitate: le spiegazioni sono programmate in app. Se non capisci qualcosa o hai delle domande non avrai supporto extra;
  • Standardizzazione: molte app presentano un corso standard di apprendimento che non è personalizzabile.