1. Altre app

Blind date di Tinder: cos’è e come si usa

Tinder ha deciso di lanciare una nuova funzione: i blind date. Ma cosa sono e come funzionano questi appuntamenti al buio? Sono pronto a spiegartelo in questa guida.

Sei in cerca dell’anima gemella? O magari vorresti semplicemente ampliare le tue amicizie? Tinder potrebbe fare al caso tuo! Infatti, grazie a questa applicazione per dispositivi mobili puoi conoscere persone nuove, chiacchierare con loro e – perché no? – sperare che scocchi la scintilla. Lanciato nel 2012, Tinder si basa sullo “swipe”, ovvero un movimento del dito sullo schermo dello smartphone, da destra verso sinistra o viceversa, con il quale si può stabilire se si è interessati a un determinato utente oppure no. Insomma, usare questa app è davvero semplice e intuitivo. Iniziamo subito!

Indice

Criteri di Tinder

blind date Tinder donna che sorride a un uomo in un locale

Se non hai mai usato Tinder, ti spiego brevemente come funziona. Innanzitutto, devi creare il tuo profilo, inserendo il tuo nome, una o più foto, una bio che ti descriva in poche righe e alcune informazioni aggiuntive, come i tuoi interessi, la musica che preferisci, l’università in cui hai studiato e altro. Dopodiché, devi impostare alcuni parametri, sulla base dei quali l’app individuerà dei potenziali “match”, ovvero persone che potrebbero essere compatibili con te.

Ti interessano uomini e/o donne? Qual è la fascia di età che ti interessa? Vuoi conoscere gente che vive a pochi km da te o che si trova dall’altra parte dell’Italia? Una volta stabiliti tutti questi elementi, Tinder ti mostrerà alcuni profili; se li consideri interessanti, allora devi fare swipe a destra, altrimenti swipe a sinistra. Se sia tu che l’altra persona fate swipe a destra, allora significa che avete fatto match e che potete avviare una chat.

Cosa sono gli appuntamenti al buio di Tinder

Ma come cambierà tutto questo, con gli appuntamenti al buio? Con la nuova funzione blind date, gli utenti dovranno chattare tra loro prima di poter vedere le rispettive foto e, in generale, prima di poter scoprire tutti i dettagli del profilo.

Potrebbe sembrare una mossa azzardata, ma non è così. Infatti, degli studi condotti da Tinder hanno dimostrato che le persone, soprattutto quelle più giovani, hanno voglia di andare oltre le apparenze e conoscere gli altri in modo autentico, senza lasciarsi influenzare dall’aspetto. Ben il 79% della gente coinvolta nella ricerca ha già provato o è curioso di provare l’esperienza dell’appuntamento al buio. Inoltre, quasi la metà di loro, il 48%, ha dichiarato che vorrebbe provare a incontrare qualcuno che non avrebbe considerato se si fosse fermato solo all’apparenza.

Come si usa blind date

Per il momento, la feature degli appuntamenti al buio è disponibile solo negli Stati Uniti, ma arriverà anche nel resto del mondo (quindi anche in Italia) nel giro di un paio di settimane. Nel momento in cui stai leggendo, ad esempio, prova ad aggiornare l’app, potresti già averla a disposizione.

In ogni caso, meglio non farsi trovare impreparati! Per usare la funzione blind date su Tinder, procedi così:

  1. Apri Tinder;
  2. Fai tap sulla lente di ingrandimento per andare sulla sezione “Esplora”;
  3. Cerca e seleziona la funzione “Chat veloce”;
  4. A questo punto, rispondi a una serie di domande relative ai tuoi gusti e al modo in cui reagiresti in determinate situazioni;
  5. Tinder ti “abbinerà” a dei profili compatibili, con cui potrai chattare per un certo periodo di tempo, durante il quale tu non potrai vedere le foto dell’altra persona e viceversa;
  6. Scaduto il timer, potrete decidere se fare match e continuare a chattare;
  7. Solo in quest’ultimo caso, verranno svelati i rispettivi profili.

Rischi di blind date

Usare Tinder (o altre app di incontri) comporta sempre un rischio, dal momento che si entra in contatto con persone che non si conoscono e che potrebbero avere delle intenzioni “poco nobili”.

I pericoli potrebbero aumentare con gli appuntamenti al buio, dato che si potrebbe nascondere chiunque dietro un nome privo di foto. Quindi, il mio consiglio è quello di usare la massima attenzione: blind date o meno, non rivelare troppo di te alla persona con cui stai chattando, evitando sopratutto informazioni sensibili, come il tuo cognome o il tuo indirizzo. Anche nel caso in cui decideste di incontrarvi, cerca di essere sempre molto prudente. Per esempio, scegli sempre un luogo affollato per il primo appuntamento, e fai sapere ai tuoi amici dove ti trovi e con chi.

Fin quando è disponibile

Non sappiamo ancora fin quando sarà disponibile la funzione blind date di Tinder. Molto probabilmente, non resterà per sempre, ma solo per un certo periodo di tempo. Ciò non esclude che, a fronte di un grande successo, l’app possa decidere di renderla permanente.

Pubblicità